Cambio Gomme Cambio Gomme
Consigli per viaggiare in auto Mercoledì, 12 Maggio 2021

Cambio gomme: consigli per la prossima stagione

Due volte l’anno (in primavera e in autunno) vi è l’obbligo di fare il cambio gomme alla propria auto. Per molti è spesso più un fastidio che un’opportunità, ma è fondamentale non ignorare le conseguenze provocate dal non cambiare gomme auto.

L’argomento è molto importante, specialmente quando ci si sta organizzando per affrontare un lungo viaggio ed è bene conoscere quali sono gli obblighi di legge, quali i tempi entro i quali fare il cambio gomme auto e, ancora, qual è il tipo di pneumatico migliore da montare sulla propria vettura. Andiamo con ordine, partendo dall’importanza del cambio gomme.


Perché è importante il cambio gomme

Partiamo da un presupposto: è necessario prendersi cura della propria auto. Non solo quando si accende la spia della manutenzione, una che segnala un’avaria o, nel caso dei pneumatici, quando la pressione non è adeguata. L’utilizzo quotidiano delle automobili, ma anche quello sporadico, determina un consumo dei componenti e anche delle gomme. Queste hanno una durata, superata la quale perdono l’efficienza e la tenuta di strada. Il cambio gomme, quindi, è innanzitutto un obbligo che aumenta la sicurezza. Avere gomme invernali d’estate o estive d’inverno non assicura un’adeguata tenuta di strada. Questo perché l’asfalto risente delle condizioni ambientali (caldo, pioggia, gelo, eccetera) e il cambio pneumatici permette di avere sempre le gomme più adatte per guidare la macchina in sicurezza.

Allo stesso tempo è importantissimo ricordare come gli pneumatici incidono anche sui consumi dell’automobile. Avere gomme efficienti riduce sensibilmente i consumi permettendo di risparmiare sull’utilizzo dell’auto. Viceversa gomme usurate o datate, in cui il battistrada è consumato, aumentano i consumi dell’auto e diventano uno spreco oltre che una spesa pesante sul bilancio generale della gestione della propria macchina.

L’attenzione per il cambio gomme vale sempre, sia per le auto più datate che per quelle di ultima generazione (come la EVO3 Electric) che per le utilitarie o i SUV (come nel caso della DR F35 Turbo). I pneumatici, infatti, sono componenti fondamentali di ogni automobile, perché sono quelli che determinano l’aderenza all’asfalto e fanno tutta la differenza in termini di sicurezza e risparmio, come abbiamo visto, ma anche di guidabilità. Gomme efficienti, equilibrate e con una corretta convergenza migliorano l’esperienza di guida rendendola piacevole e comoda.


Quando va fatto il cambio gomme

C’è poi, come anticipato, tutto il discorso legale legato al cambio gomme auto. La legge prevede due date che fanno da spartiacque nella gestione del cambio gomme: il 15 aprile e il 15 novembre. Il 15 aprile è la data dalla quale è possibile fare il cambio gomme estive, montando sulla propria auto pneumatici con una miscela, un battistrada e un disegno adeguato all’aumento delle temperature. Viceversa il 15 novembre è la data per il cambio pneumatici invernali, proprio per permettere all’auto di essere efficiente su percorsi freddi, bagnati e ghiacciati.

A proposito della sostituzione gomme invernali è bene ricordare come la legge preveda che dal 15 novembre al 15 aprile le auto siano dotate di pneumatici invernali o, in alternativa, di catene da neve. Queste devono essere presenti a bordo dell’auto in modo che in caso di necessità possano essere montate sui pneumatici estivi.

Non rispettare il cambio ruote invernali espone il proprietario del mezzo a delle sanzioni pecuniarie che possono essere anche molto salate.


Cambio gomme auto: invernali, estive o quattro stagioni?

Quando si parla di cambio gomme bisogna fare alcune precisazioni per permettere di fare una scelta corretta. innanzitutto esistono tre diverse tipologie di pneumatico:

  • gomme estive;
  • gomme invernali;
  • gomme 4 stagioni.

Come indica il nome stesso i pneumatici estivi sono quelli realizzati con una mescola e un disegno adatto a rispondere all’aumento delle temperature mentre, viceversa, quelle invernali sono quelle per l’abbassamento delle temperature stesse. Le gomme 4 stagioni sono una sorta di via di mezzo. Generalmente le gomme quattro stagioni hanno una mescola da pneumatico estivo e un disegno da pneumatico invernale o viceversa e rappresentano una soluzione accettabile, ma non la migliore in termini di resa.

A fare la differenza per il cambio gomme è il tipo di utilizzo che si fa della propria auto. Chi percorre pochi chilometri e magari tutti in città o su strade urbane, può optare per le gomme 4 stagioni o quelle estive avendo a bordo, dal 15 novembre al 15 aprile, le catene da neve. In questo modo si evita il “fastidio” del cambio gomme due volte l’anno e si ha comunque un pneumatico efficiente per l’utilizzo che si fa. Viceversa chi viaggia molto può preferire avere un doppio treno di gomme e, ad aprile e a novembre, recarsi dal gommista e fare la sostituzione. In questo modo i pneumatici durano anche id più (in quanto vengono utilizzati solo per alcuni mesi dell’anno) e sono sempre efficienti rispetto ai cambiamenti climatici.


Cambio gomme: come scegliere i pneumatici

Chi deve fare il cambio ruote invernali o quelle estive deve sapere che ogni pneumatico è caratterizzato da una misura, un indice di velocità e un indice di carico. Questi valori (numeri e lettere) sono riportati sia sulla parte esterna del pneumatico (quindi visibili su qualsiasi automobile) che sul libretto di circolazione. Nella scelta del pneumatico da acquistare bisogna sempre far riferimento a quanto presente nell’elenco dei pneumatici ammessi sul libretto di circolazione. Montare pneumatici diversi è infatti sbagliato, pericoloso e motivo di multa.

La scelta tra questa o quella marca è in parte molto soggettiva perché dipende dal tipo di guida e dall’esperienza che si è avuta con quel pneumatico. Il proprio gommista di fiducia saprà consigliare sicuramente il miglior pneumatico da montare, sia in termini di efficienza che di rapporto qualità-prezzo. In questo modo il cambio gomme non sarà più un problema ma uno step per avere la macchina sempre perfetta e pronta per affrontare qualsiasi sfida, sia quella del traffico quotidiano che quella di una vacanza in giro per l’Italia.